Logo Confcommercio

->Tavola rotonda progetto “Roggia dei Cedri”

Tavola rotonda progetto “Roggia dei Cedri”

Pubblicato il: 04 Ottobre 2022

Tavola rotonda progetto “Roggia dei Cedri”

Tavola rotonda “Forme evocative e innovazione turistica. Per una nuova progettualità nell’Area Unesco”

 

Sabato 1° ottobre a Valdobbiadene, si è tenuta la presentazione dell’innovativo progetto di accoglienza denominato “Roggia dei Cedri”.

Il Presidente Federico Capraro ha partecipato alla tavola rotonda “Forme evocative e innovazione turistica. Per una nuova progettualità nell’Area Unesco”, con il coinvolgimento inoltre degli Enti e Istituzioni locali e regionali che sovrintendono alla promozione del comparto di sviluppo economico, culturale e sociale.

Federico Capraro  ha lodato lo slancio imprenditoriale di Alberto Bortolomiol: “Dobbiamo ringrazialo per la sua visione e per aver aperto una strada. Abbiamo bisogno, oggi più che mai, di scambiarci sogni. Credo che la ricettività turistica sia il vero motore economico del nostro territorio”. Per il presidente della Camera di Commercio di Treviso e Belluno, è imperativo investire sulla formazione degli operatori del turismo, in particolare sui giovani, che dopo aver visto il mondo devono essere sollecitati a rientrare: “Il riconoscimento UNESCO – afferma Mario Pozza – deve diventare brand. Quello che ci aspetta è un periodo importante; non dobbiamo disperdere le risorse del PNRR”.

A conclusione della mattinata, la cerimonia di benedizione e inaugurazione della Roggia dei Cedri – realizzata dallo studio dell’architetto Fabio Callegaro – e lo scoprimento del Cedro in ferro, opera dello scultore Valentino Moro. Coerentemente con la filosofia del progetto e seguendo la via dell’acqua, è stato recuperato l’antico lavatoio pubblico di via Molini, i cui lavori sono stati realizzati all’interno di un accordo convenzionato con l’Amministrazione comunale di Valdobbiadene.





Effettua una ricerca tra le news

Tavola rotonda progetto “Roggia dei Cedri”

Tavola rotonda progetto “Roggia dei Cedri”